Seminari e Ritiri: 2013

11 FEBBRAIO 2013
Losar – celebrazioni per il capodanno tibetano

Inizia oggi l'anno tibetano 2140 del serpente di acqua. 
Ci ritroveremo per celebrare la cerimonia dell'offerta dello Tzog come buon auspicio per il nuovo anno. 

 

16 - 17 FEBBRAIO 2013
Introduzione al Buddhismo: i tre scopi

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Buddha ha insegnato in accordo alle diverse inclinazioni e capacità degli esseri. Esistono, infatti, diversi livelli di motivazione che spingono a seguire un sentiero spirituale: quello iniziale, detto dello scopo piccolo e comune, per chi aspira a ottenere una buona rinascita, quello medio e comune per chi aspira alla Liberazione individuale dalle sofferenze del samsara, e infine lo scopo grande, per coloro che desiderano realizzare l'Illuminazione per il bene di tutti gli esseri. A questi livelli corrispondono specifiche meditazioni e addestramenti che permettono di ottenere i risultati relativi ai vari scopi. Non sono da considerare in contraddizione fra loro: in quanto si integrano l'uno con l'altro, formando un unico percorso nel quale, per progredire verso un livello superiore, occorre aver praticato e compreso a fondo il livello precedente. 

 

2 - 3 MARZO 2013
Commentario ai Cinquanta Versi di Devozione al Guru – II parte

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Prosegue il commentario sul testo di Bhavideva, conosciuto con molti nomi tra cui Ashvagosha, Aryasura. Filosofo e poeta indiano del I secolo descrive la condotta che il discepolo deve adottare per avere con il proprio Maestro una relazione appropriata. Tale relazione si stabilisce dopo un’accurata analisi reciproca ed è la base per ogni progresso sul sentiero interiore, in quanto il Guru è colui che si prende cura del discepolo dando insegnamenti e consigli personali. Per questa ragione il Maestro è considerato più gentile di Buddha stesso e come tale va rispettato, soprattutto mettendo in pratica i suoi insegnamenti.
Durante l'incontro precedente è stato commentato il testo fino alla strofa 22. 

 

16 - 17 MARZO 2013 
Nagarjuna lettera ad un amico – III parte

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Prosegue il commentario a quest'opera che Nagarjuna (celebre erudito vissuto nel I secolo in India, autore di numerosi commentari sulla scuola Madhyamika) scrisse in forma di lettera al suo amico, il Re Decio Sangpo, per spiegargli come integrare i valori spirituali con la vita quotidiana. Esaminando le Quattro Nobili Verità e le Sei Perfezioni, Nagarjuna descrive, in maniera logica e in forma poetica, i vari passaggi dell'esperienza interiore che conducono allo stato di Buddha, fornendo così una presentazione dell'intera pratica del Sentiero Buddhista. È un insegnamento di particolare interesse per coloro che desiderano coltivare una pratica religiosa pur continuando a lavorare e vivere nella società.

Durante l'incontro precedente è stato commentato il testo fino alla strofa 40.

 

30 - 31 MARZO - 1 APRILE 2013 
Ritiro di Samatha e Vipassana

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

La capacità di rimanere concentrati univocamente, detta samatha, combinata con la speciale visione intuitiva, vipassana, permette la realizzazione diretta della vacuità, antidoto alla ignoranza di afferrarsi al sé, radice dell’esistenza ciclica. 
Samatha consiste nel superare i cinque ostacoli alla concentrazione tramite l’applicazione di otto antidoti.
Familiarizzando con questi due addestramenti mentali, si arriva ad avere una grande flessibilità di mente e corpo e un'acuta capacità di analisi. Guidati da Rinpoce proveremo a fare esperienza, mettendo in pratica le istruzioni che verranno date durante le varie sessioni.

 

Dal 25 al 28 aprile 2013
Insegnamenti sulla vacuità

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

25 – 26 aprile 2013
Candrakirti – Il settuplice ragionamento

Candrakīrti è un filosofo indiano vissuto tra il VI e il VII secolo, capostipite della scuola Madhyamika Prasangika, abate dell'Università di Nalanda. La linea di analisi articolata in sette punti – estratta dalla sua opera Supplemento al Trattato sulla Via di Mezzo – consiste in un processo meditativo tramite il quale, analizzando il modo in cui esiste un carro e mettendolo in analogia con gli aggregati della persona, si arriva a capire come non esista intrinsecamente, realizzandone la vacuità.

27 - 28 aprile 2013
Nagarjuna – Radice della saggezza capitoli 18, 24 e 26

Nel testo Mūlamadhyamakakārikā, suddiviso in 27 capitoli, Nāgārjuna esamina diverse categorie di fenomeni, dimostrando la loro natura di interdipendenza e vacuità. Sua Santità il Dalai Lama raccomanda sovente di studiare e riflettere approfonditamente su questo testo, in particolare sui tre capitoli che verranno commentati, che trattano rispettivamente: del sé e delle entità, delle quattro Nobili Verità e dei dodici anelli. 

 

11 maggio 2013
Iniziazione di Tara Bianca

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Tara è la divinità che rappresenta l'attività illuminata di Buddha. Ha molti aspetti: in particolare nella sua forma bianca pacifica aiuta a disperdere le interferenze alla longevità e a ottenere una lunga vita.

 

12 maggio 2013 
Dakini Ten Jiur lunga vita

Cerimonia per la lunga vita dei Maestri Ven. Thamthog Rinpoche e Ven. Tenzin Khenrab Rinpoche.

Incontrare un Maestro che insegni il puro Dharma è un'opportunità rara e preziosa, che non avviene a caso, ma è il risultato di cause virtuose, che vanno continuamente coltivate e dedicate alla sua lunga vita. In questo modo, la relazione rimane stabile e duratura. Con questa cerimonia si accumulano meriti e si fanno richieste alle Dakini affinché la vita del Maestro sia stabile e duratura.

 

25 - 26 maggio 2013 
La meditazione in undici punti di Bodhicitta

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

La mente di Bodhicitta, fulcro del sentiero Mahayana, è una mente straordinaria, la causa dell'Illuminazione, che porta innumerevoli vantaggi, caratterizzata da amore e compassione illimitate ed equanimi verso tutti gli esseri senzienti. Colui che l'ha generata, il Bodhisattva, è chiamato “Figlio dei Buddha” ed è animato costantemente solo dal desiderio di liberare tutti gli esseri dal samsara. Esistono diverse tecniche di meditazione per generare questa mente. Quella che verrà commentata, combina in un unico processo la tecnica chiamata scambiare sé stessi con gli altri con quella in sei cause e un effetto.

25 maggio 2013 
Celebrazione del Vesak

Il Vesak è la festa che ricorda la nascita, l'illuminazione e il parinirvana di Buddha Sakyamuni, condivisa dai buddhisti di tutte le tradizioni e riconosciuta dallo Stato italiano nell'ambito dell'Intesa con l'Unione Buddhista Italiana, di cui il nostro Istituto è membro fondatore.

 

8 - 9 giugno 2013 
L'addestramento mentale in sette punti

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Questo testo illustra una tecnica per trasformare le avversità in strumenti per la crescita interiore ed è di particolare beneficio in un’epoca come la nostra, purtroppo caratterizzata da un aumento di difficoltà, sofferenze e negatività, sia interiori, sia esteriori. Composto da Ghesce Cekawa (Maestro Kadampa del XII secolo) contiene una serie di istruzioni che permettono di trasformare qualsiasi evento della propria vita in momenti di crescita interiore per la generazione della mente dell’Illuminazione.

 

22 – 23 giugno 2013 - SEMINARIO ANNULLATO
Manjushri Bianco

Iniziazione e commentario del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Manjushri è l’emanazione della saggezza di Buddha. La sua pratica ci aiuta a rimuovere l’ignoranza e, in particolare, questa manifestazione pacifica di colore bianco ha il potere di rafforzare la memoria. Verrà conferita l’iniziazione, che permette di riceverne l’energia ispiratrice, e sarà spiegato come compiere la meditazione e le visualizzazioni in relazione a questa pratica.

 

10 - 18 agosto 2013 
Ritiro di Shar Gom

Guidato dal Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Il Lam Rim (Sentiero graduale verso l’Illuminazione) è un metodo che racchiude tutti gli insegnamenti di Buddha, strutturandoli in modo da costituire un sistema di meditazioni progressive, passando attraverso vari livelli di motivazione e pratica. Come negli anni precedenti, il ritiro di pratica intensiva sugli argomenti del Lam Rim, prevede sessioni di insegnamento e momenti di riflessione e meditazione, al fine di ottenere un’autentica esperienza dei diversi punti del Sentiero Buddhista.

21 - 22 SETTEMBRE 2013
I QUATTRO SIGILLI DEL DHARMA

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Tutti i fenomeni prodotti sono impermanenti, tutti i fenomeni contaminati sono della natura della sofferenza, tutti i fenomeni sono vuoti, solo il Nirvana è la vera pace. In questi quattro principi è contenuta l'intera visione fiolosofica e la base di ogni pratica spirituale del Buddhismo

 

12 - 13 OTTOBRE 2013
INIZIAZIONE DI YAMANTAKA

Conferita dal Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

La pratica di Yamantaka (Dor.je Jig.ce in tibetano) è un metodo estremamente potente che appartiene al tantra padre della classe tantrica dello Toga Supremo. Yamantaka è una divinità che è l'aspetto irato di Manjusri, la manifestazione della saggezza di Buddha. Appare in questo aspetto per disperdere gli ostacoli alla nostra pratica, che sono originati dalla nostra stessa ignoranza. Per ricevere questa iniziazione è necessario assumere l'impegno della pratica quotidiana del Guru Yoga in sei sessioni per tutta la vita. 

 

19 OTTOBRE 2013
COMMENTARIO AL TESTO FONDAMENTO DELLE BUONE QUALITÀ

Insegnamenti del Ven. Lama Thamthog Rinpoche

Questo breve testo, composto da Lama Tzong Khapa sotto forma di richiesta di benedizioni, contiene un'esposizione dell'intero sentiero graduale verso l’Illuminazione. Iniziando dalla devozione al Guru, ogni strofa permette di ricordare e riflettere passo dopo passo sui vari punti di meditazione. 

 

20 OTTOBRE 2013 
INIZIAZIONE DI MANJUSRI

Conferita dal Ven. Lama Thamthog Rinpoche

In questa iniziazione Manjusri è nell'aspetto pacifico, di colore arancio, regge la spada che simboleggia la saggezza che recide l'ignoranza, la radice dell'esistenza condizionata.

 

26 - 27 OTTOBRE 2013 
HATA YOGA

Seminario tenuto dal Ven. Lobsang Dondhen

Lo Hatha yoga è costituito da un complesso di esercizi fisico-ginnici e da esercizi di controllo della respirazione, perfezionati nel corso dei secoli da generazioni di praticanti. La pratica dello Hatha-yoga tende al raggiungimento dell’equilibrio psicofisico e di una maggiore consapevolezza dei nostri processi vitali, fisiologici.

Il Ven. Lobsang Dondhen è un monaco tibetano che ha praticato per anni questi esercizi e li insegna inserendoli in un contesto più ampio, facendo sì che diventino una disciplina quotidiana salutare che aiuta ad armonizzare corpo e mente.

 

1 - 2 - 3 NOVEMBRE 2013 
RITIRO DI VAJRASATTVA

Guidato dal Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Durante le nostre innumerevoli vite, da un tempo senza inizio, abbiamo commesso un incalcolabile numero di azioni che, in molti casi, sono state non virtuose. Poiché la loro impronta karmica si deposita nella nostra coscienza sottile, siamo portatori di una grande mole di potenzialità non virtuose, che possono maturare da un momento all’altro ed essere fonte di sofferenza. Inoltre, il karma non virtuoso è uno dei principali ostacoli alla comprensione e realizzazione dei vari aspetti del sentiero spirituale. Per questi motivi, è necessario purificarlo, applicando le quattro forze opponenti e gli antidoti specifici, come la meditazione di Vajrasattva. 

 

16 - 17 NOVEMBRE 2013
NĀGĀRJUNA - LETTERA AD UN AMICO - IV PARTE

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Prosegue il commentario a quest'opera che Nāgārjuna (celebre erudito vissuto nel I secolo in India, autore di numerosi commentari sulla scuola Madhyamika) scrisse in forma di lettera al suo amico, il Re Decio Sangpo, per spiegargli come integrare i valori spirituali con la vita quotidiana. Esaminando le quattro Nobili Verità e le sei Perfezioni, Nāgārjuna descrive, in maniera logica e in forma poetica, i vari passaggi dell'esperienza interiore che conducono allo stato di Buddha, fornendo così una presentazione dell'intera pratica del sentiero buddhista. È un insegnamento di particolare interesse per coloro che desiderano coltivare una pratica spirituale pur continuando a lavorare e vivere nella società.

Durante l'incontro precedente è stato commentato il testo fino alla strofa 51. 

 

30 NOVEMBRE 2013
L'ADDESTRAMENTO MENTALE IN SETTE PUNTI – II PARTE

Insegnamenti del Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Questo testo composto da Ghesce Cekawa (Maestro Kadampa del XII secolo) contiene una serie di istruzioni che permettono di trasformare qualsiasi avversità della propria vita in strumenti per la crescita interiore rivolta alla generazione della mente dell’Illuminazione. E` di particolare beneficio in un’epoca come la nostra, caratterizzata da un aumento di difficoltà, sofferenze e negatività, sia interiori, sia esteriori.

 

1 DICEMBRE 2013 
CERIMONIA DEL RIFUGIO

Insegnamenti e rifugio conferiti dal Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche.

Il Rifugio nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha, i tre Supremi Rari, è la porta di ingresso del sentiero buddhista: ci si affida ad essi con profonda fede e fiducia comprendendone le straordinarie qualità, mossi dalla conoscenza della condizione di sofferenza propria e altrui. Una volta ricevuto il Rifugio da un Maestro qualificato si diventa buddhisti e, impegnandosi a osservare la giusta condotta morale si è costantemente protetti e guidati.

 
"La verità convenzionale viene trovata da una mente convenzionale che analizza.
La verità ultima viene trovata da una mente ultima che analizza."
Ven. Lama Tenzin Khenrab Rinpoche

Ghe Pel Ling - Istituto Studi di Buddhismo Tibetano

Guida Spirituale e Direttore: Ven. Lama Thamthog Rinpoche
Maestro residente: Ven. Lama Khenrab Rinpoche 
Associato all'Unione Buddhista Italiana

Via Euclide,17 (MM1 Villa SG) - 20128 Milano
Tel +39 02 2576015 / Fax +39 02 27003449
www.gpling.org / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.